Questo sito utilizza cookie per seguirti nei servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sull'apposito bottone.

Cliccando OK acconsenti all'uso dei cookie.

Lasciamo il Segno

"L'attività fisica promuove il benessere, la salute fisica e mentale, previene le malattie, migliora le relazioni sociali e la qualità della vita, produce benefici economici e contribuisce alla sostenibilità ambientale".

Così esordisce la Carta di Toronto per l'attività fisica (1), documento pubblicato dal Global Council for Physical Activity and Health nel 2010 con il contributo di centinaia di esperti di tutto il mondo e finalizzato a rafforzare la committenza politica e sociale internazionale a favore dell'attività fisica per tutta la popolazione.
Il documento sostiene la promozione dell'attività fisica come parte di un approccio globale alla prevenzione delle malattie croniche e chiama all'azione in quattro aree chiave: 1) politica nazionale; 2) piani d'azione e regolamenti; 3) programmi e ambiti di intervento; 4) partnership.
Nel territorio afferente al Distretto Treviso dell'attuale Ulss 2, a fronte di un'offerta sportiva locale molto ricca, raggiunge i livelli di attività fisica raccomandatail 41% degli adulti. Questa percentuale scende drasticamente a valori attorno al 20% negli adolescenti e ancora più bassi nei bambini di 8 anni.
Il Dipartimento di Prevenzione dell'ULSS2 MARCA TREVIGIANA - Distretto Treviso, utilizzando la Carta di Toronto come documento guida, si è proposto come attivatore di una rete di soggetti che, in ambiti diversi, (sanità, amministrazioni pubbliche, ambiente, trasporti, sport, scuola, urbanistica, settore privato) possono adottare politiche ed impiegare risorse per facilitare l'accesso all'attività motoria da parte della popolazione, diventando anche testimoni di un messaggio comune.

La rete

La rete ha preso il nome di "Lasciamo il segno, rete trevigiana per l'attività fisica" e si è ufficialmente costituita, con un evento di sottoscrizione collettiva della Carta di Toronto, il 20 settembre 2012.
La rete conta attualmente 272 aderenti, tra i quali, oltre all'ULSS2 MARCA TREVIGIANA e gran parte dei Comuni afferenti, la Provincia di Treviso, il CONI, l'Ufficio scolastico territoriale, l'Ordine dei Medici provinciale, l'ARPAV, il Coordinamento provinciale del volontariato, UNINDUSTRIA e più di 100 tra Enti ed Associazioni.

Il simbolo della rete

Il marchio scelto rappresenta un'impronta colorata che riconduce al movimento fisico, richiamando il desiderio di volersi attivare, lasciando anche traccia del proprio agire e sottolineando come ciascuno di noi sia il protagonista del proprio benessere.
Il logo appartiene alla rete, non identifica un Ente in particolare, ed ogni partner lo può utilizzare per rafforzare il messaggio comune sull'importanza dell'essere fisicamente attivi .

La progettazione comune

La fase operativa di Lasciamo il segno ha avuto inizio con un percorso di progettazione partecipata condotta secondo la metodologia "Goal Oriented Project Planning" che ha coinvolto, in 4 diversi tavoli tematici, i referenti dei vari enti ed associazioni aderenti alla rete ed ha delineato alcune proposte d'azione, già avviate in alcune realtà, che coprono gli ambiti di intervento: "attività motoria accessibile a tutti", "mobilità sostenibile", "urbanistica favorevole al movimento".

In questo contesto nascono o si rafforzano azioni come i "Gruppi di Cammino", l'attività fisica adatta per le persone con fattori di rischio, i "Pedibus", la promozione della motricità fin dalla primissima infanzia con "Move.it", il progetto "Pause attive" a scuola, l'attività motoria per tutti al parco con "Datti una Mossa!", l'accordo di collaborazione con le associazioni sportive per gli utenti degli screening oncologici. Un altro fronte su cui si è impegnati è il supporto a progetti di intervento strutturale ambientale come le connessioni tra percorsi ciclo-pedonali, il progetto "Greentour" interregionale, la rivitalizzazione di spazi urbani.

Lasciamo il segno promuove in generale la vita attiva, anche con una campagna di comunicazione rivolta al consolidamento delle partnership di rete e al coinvolgimento della popolazione rispetto all'adozione di uno stile sempre più attivo.

Informazioni
Struttura Promotrice
Servizio Igiene e Sanità Pubblica e Medicina di Comunità
Referente Campagna
Manuela Mazzetto
Link utili